giovedì 28 dicembre 2017

RICORDI FAMIGLIARI VALLE CARTIERE




            Siamo alla fine dell’800 - inizi del ‘900, quando ancora la cartiera di Maina inferiore chiamata anche Macalè (dal 2007 trasformata in Museo della carta) si trovava in territorio di Maderno  e i  due comuni erano ancora separati. . Il  confine era delimitato dal torrente Toscolano dalla sua foce e sino alla località di Maina superiore, poi  saliva direttamente fino alla cima del monte Pizzocolo. Quindi le cartiere esistenti oltre Maina superiore e fino alla foce del torrente che si trovavano a destra (scendendo)  erano in territorio di Maderno, mentre quelle sul lato opposto e oltre Maina superiore in quello di Toscolano.
            Nel periodo citato in premessa e fino al 1912 la cartiera di Maina inferiore o Macalè fu diretta da Bianchi Tullio proveniente da Pisogne il quale sposò la zia di mia madre, Belloni Luigia.
            Diversi furono i proprietari o gestori di questa antica cartiera prima che venisse – dopo la costosa operazione  di ristrutturazione  - trasformata in Museo  e ora dato in comodato dal Comune alla Fondazione della Valle delle Cartiere. Intorno al 1700 questo opificio fu di proprietà della famiglia Assandri, originaria della frazione Pulciano, che poi assunse il cognome di Delay e che all’inizio del ‘500 conduceva alcune ferriere in località Camerate. Successivamente la proprietà dello stabilimento passò ai madernesi: Veronese nel 1811, Hell nel 1852, Emmer nel 1872, Nei primi anni del 1900 i proprietari divennero i Maffizzoli, poi i Donzelli ed, infine, i Marchi di Vicenza. Nel 1962 i Donzelli abbandonarono questo opificio che , lentamente, andò in rovina..
            Nel mio Blog su Toscolano Maderno ho citato diverse persone locali, mi sono domandato perché non dovrei citare anche mia madre dalla quale ebbi varie notizie storiche locali e sul modo di vita di quel tempo ed in particolare sulla Valle delle Cartiere dove aveva vissuto alcuni anni? Essa aveva solo cinque anni ed un fratellino di pochi mesi quando gli morì suo padre a 39 anni. La madre, per vivere, era impegnata nel suo lavoro  e doveva occuparsi di due figli per cui dopo qualche anno dovette affidare la mia futura madre, allora adolescente, alla zia, che non aveva figli e che viveva con il marito a Maina inferiore in una piccola abitazione annessa allo stabilimento (indicata con un freccia bianca nella foto in alto).
            Un particolare ricordo dell’adolescenza di mia madre durante la sua permanenza nella valle, che mi riferì più volte, fu che alla sera veniva incaricata dallo zio di recarsi a Toscolano per l’acquisto del giornale che giungeva a tarda ora. Al buio assoluto e da sola, usciva dalle gallerie (allora non illuminate come ora), per giungere nel paese per l’acquisto del giornale. Pur prestandosi volenterosamente a questo incarico, non poté mai dimenticare la paura e l’ansia che l’opprimeva quando eseguiva ogni giorno questo incarico. Lo zio voleva tenersi aggiornato sugli avvenimenti, ma in quel tempo l’unico mezzo d’informazione era solo il giornale. che con i mezzi di quel tempo giungeva a Toscolano solo a tarda sera.

mercoledì 27 dicembre 2017

VALLE delle CARTIERE: vecchie immagini


Strada d'ingresso nella valle delle cartiere


La cascata che non c'è più




La cartiera di "Garde"




Interno della valle con  le strade che conducono a Gaino


Gruppo cartiere a Maina inferiore



altre cartiere a Maina inferiore

La valle vista dall'alto



Cartiera di Maina inferiore abbandonata


Gruppo dipendenti dalla cartiera


varie cartiere a Maina

Immaagine gentilmente data dal geom.Mario Simoni nella quale sono ripresi i dipendenti della cartiera di Maina inf. compreso il Direttore  Alessandro Bonomi ed il nonno del Simoni sig.Giuseppe





                              Località "Vago" nella valle


schizzo che riproduce alcune cartiere della valle


Località LUSETI quando esisteva il ponte in pietra


Cippo a ricordo costruzione strada per Valvestino

Operaie che lavorano nel  reparto stracci



vecchia cartiera esistente  Luseti




















martedì 26 dicembre 2017

TOSCOLANO. vecchie immagini

Ponte vecchio


Il promontorio di Toscolano prima della costruzione della cartiera

Piazza Caduti prima della ristrutturazione


Ingresso Valle Cariere

Diligenza al ponte


Proprietari e dipendenti setificio


antica fontana a Pulciano



Fontana pubblica all'ingresso di Gaino


Cortile interno Albergo Cavallino

1903- inaugurazione asilo di Gaino


Antico albergo Cavallino bianco


La spiaggia "granda"


Spiaggia v.le Marconi con pontile

Cartiera Maffizzoli al ponte



Si sta costruendo la cartiera in località Capra


La seriòla gelata sotto il ponte vecchio


Un carro trainato da buoi giunge a Gaino


Si costruisce una piazzetta a Gaino


Chiesa e canonica idi Gaino


Il quadro di Andrea Fossati


Un gruppo di persone vicino alla chiesa 



Un ricordo feste di beneficenza 1904





Campo di tiro a segno





Quando al porto esisteva l'antica casa

Strada non asfaltata che conduce a Gargnano


GAINO - un giardiniere ammira il lago



Gruppo dipendenti Cartiera





Altre immagini di TOSCOLANO e MADERNO le ho esposte al Museo
della carta in Valle delle Cartiere































sabato 23 dicembre 2017

MADERNO. VECCHIE IMMAGINI

La merce giunge con i barconi



1918 - Lavori costruzione lungolago
1933 - Quando i panni si lavavano nel lgo

Barca con il pescatore all'inizio lungolago

L'Albergo LIGNET appena costruito sul lungolago

A destra il palazzo Gonzaga

Il palazzo Gonzaga semi demolito


1909 - gente all'inaugurazione monumento a Giuseppe Zanardelli


1920 - Lavandaia alla spiaggia del Ruinà
La pizzetta Veneta in Via Gaibaldi


7 aprile 1958 - La frana è caduta sulla statale

Un carretto trainato da un mulo attraversa Piazza Maderno

Com'era la piazza di Maderno agli inizi del '900

Padre Marcolini inaugura il nuovo villaggio

La statale sulla quale è caduta la frana è stata ripristinata


1900- Non ancora posto il Leone di S.Marco sulla colonna
Inizi '900 - Il promontorio era una distesa di ulivi

La spiaggetta al Ruinà ora coperta dal parcheggio a lago


Quando si stendevano i panni ad asciugare in piazza

1915-1918 - Militari scaricano del materiale dal barcone

Quando le lavandaie usavano la spiaggia della piazza

1902 - Non era ancora posto il cancelletto dove
approdò S.Ercolano

1900 - Si sta costruendo la statale a lago


Il golfo visto dalla darsena Bianchi


Tutte le merci giungevano con i barconi a vela


1900 - Un battello approda sul Lungolago




Veduta della piazza di Maderno dal Lungolago


Approdo di un battello. Nel Serraglio c'è ancopra l'albergo Lignet


barcaiolo sulla spiaggia

Il tram a vapore transita dalla piuazza

La piazza a fine '800 quando c'era la spiaggia
Trasporto legna con barconi

Il promontorio di Maderno visto da Maclino


Il promontorio di Maderno quando c'erano pochi fabbricati


Particolare ingresso lungolago visto dall'alto




Altre immagini di Maderno e Toscolano le ho esposte
al Museo della carta in Valle delle Cartiere